Serious game for health
Tecniche innovative possono affiancare i trattamenti farmacologici tradizionali lungo il patient journey. Migliorando l’outcome clinico.
Scopri di più >
Value-based procurement
A patire dalle teorie portiane, anche in Italia la value based healthcare è possibile. Governance, leadership e ricerca comparativa indipendente fondamentali per l’implementazione in Italia.
Scopri di più >
Serious game for health
Risposta affermativa se le azioni del paziente-giocatore possono essere valutate dallo specialista anche a distanza, attraverso un sistema informatico che fa da “ponte”.
Scopri di più >
Serious game for health
Un contesto normativo basato sull’evidenza porterebbe nuova luce sul settore dei serious game per la salute. Molti interrogativi aperti: tra cui la rimborsabilità.
Scopri di più >
Serious game for health
I seriuos game rappresentano una possibile declinazione della medicina personalizzata. Studiati ad hoc per ciascuna tipologia di pazienti, possono essere molto efficaci per contrastare numerose patologie.
Scopri di più >
Serious game for health
Imparare/modificare un’abitudine: possibile con i serious games. Molto più di giochi intelligenti, puntano su stimolo dell’attenzione, insegnamento attivo, feedback e consolidamento. Complice l’interattività.
Scopri di più >
Ugo Trama
Market access
La ricetta per la fase 2 dell’assistenza sanitaria della Regione Campania dalle parole di Ugo Trama, responsabile Politiche del Farmaco.
Scopri di più >
Market access
Potenziare home delivery farmaceutico e telemedicina. Relazioni con le aziende anche a distanza per superare il distanziamento sociale. A colloquio con Valentina Solfrini, responsabile Politiche del Farmaco Regione Emilia-Romagna.
Scopri di più >
Digital health
Basta uno smartphone e una connessione a Internet per rendere possibile il contatto virtuale tra medico e paziente. In tempi di Covid-19, basta volerlo? E dopo l’emergenza?
Scopri di più >
Digital health
Parola d’ordine “empatia”. Sempre più diffusi tra gli healthcare provider, i chatbot possono sostituirsi all’uomo in alcune fasi del patient journey, a patto di mantenere la “persona con” sempre ingaggiata.
Scopri di più >