Serena Giugliano

Junior Consultant

Aspirazioni professionali

Serena è laureata in Ingegneria Biomedica presso l’Università di Napoli Federico II e ha svolto l’attività di tesi e tirocinio magistrale presso l’Escuela Tecnica Superior de Ingenieros de Telecomunication di Madrid.

Fin dai tempi dell’università, è sempre stata affascinata dal Sistema sanitario nazionale, dalla sua complessa ramificazione, dal gran numero di professionisti da cui è sorretto e dalle tante tecnologie e innovazioni che ne determinano costantemente la sua evoluzione.

Per potersi specializzare in questo settore conseguì il master in “Management del settore sanitario, pharma e biomed” presso il Sole 24 Ore di Milano. Questa esperienza formativa e stimolante, le ha aperto le porte della consulenza sanitaria, portandola così a lavorare prima nel team di Market Access di una grande multinazionale e successivamente in Helaglobe.

È una persona abituata a lavorare in team, flessibile e con una spiccata capacità di problem solving.
Coltiva numerosi interessi e passioni tra cui la lettura, l’arte, la danza classica ed in passato ho svolto anche attività di volontariato.

Perché lavoro in Helaglobe?
Sono sempre stata affascinata dal mondo della sanità italiana, un mondo complesso, pieno di sfide ma anche di nuove opportunità. Helaglobe rispecchia pienamente la mia voglia di contribuire concretamente a migliorare la qualità della vita dei pazienti, prestando attenzione a quelli che sono i loro bisogni e le difficoltà che vivono quotidianamente. La consapevolezza che il mio lavoro possa effettivamente contribuire al miglioramento del Ssn, e quindi al benessere dei suoi pazienti, è per me la più grande motivazione che mi spinge a fare sempre di più e sempre meglio.

Tre aggettivi per descriverti:
Flessibile, affidabile, open-minded.

Tre caratteristiche personali salienti: Curiosità, umiltà e lealtà.

Tre caratteristiche fondamentali per chi svolge il mio ruolo:
Flessibilità, grande entusiasmo e voglia di
mettersi in gioco.

Personaggio/i di ispirazione:
Giuseppe Moscati, uno dei medici più conosciuti della Napoli d’inizio Novecento, per l’umiltà e la dedizione che ha dedicato ai suoi pazienti attraverso il suo lavoro.

Sylvie Guillem, ballerina francese, per l’eleganza, lo spirito di sacrificio, la tenacia e la caparbietà che la danza richiede e che diventa uno stile di vita.

Artemisia Gentileschi, per il suo ritratto di donna dal carattere estremo e impetuoso, che infranse tutte le regole dei suoi tempi riuscendo a diffondere la propria visione dell’arte, dell’amore e della vita.

Le mie aspirazioni professionali:
vorrei consolidare le mie skill in un percorso lavorativo di crescita e miglioramento continuo.

Le mie aspirazioni personali:

Mi piacerebbe frequentare un corso di pasticceria francese e fare un mega tour in America e in Australia.

Il mio motto di riferimento:
Never give up!

Richiedi informazioni

Compila il form per essere ricontattato